ALESSANDRA DEORITI e GIOVANNI TURBANTI presentano "LA CHIESA E LA "MEMORIA DIVISA" DEL NOVECENTO"

Venerdi' 21 novembre alle 18,00

ALESSANDRA DEORITI e GIOVANNI TURBANTI
presentano
"LA CHIESA E LA "MEMORIA DIVISA" DEL NOVECENTO"
(edizioni Pendragon)

interviene ALBERTO MELLONI
Venerdì, infine, un saggio che analizza la storia della Chiesa in relazione ai nazionalismi novecenteschi.
Nelle tensioni politiche e ideologiche del XX secolo anche le fedi e le confessioni religiose sono state coinvolte in profondità. In più occasioni le chiese cristiane e i loro fedeli si sono trovati schierati sui fronti opposti dei conflitti armati e delle lotte ideologiche che hanno travagliato tutto il corso del secolo.  Il binomio guerra-totalitarismo, che costituisce uno dei fili conduttori degli studi qui raccolti, mette in evidenza le debolezze e le contraddizioni con cui le chiese in tutti i paesi europei hanno affrontato i tornanti più drammatici di quegli anni: la prima guerra mondiale, il comunismo in Russia, il fascismo in Italia, la guerra civile in Spagna, il nazismo in Germania. I rapporti non sempre limpidi che esse hanno intessuto con i regimi totalitari, sono stati messi alla prova dal complesso ruolo che si sono trovate a giocare durante le vicende belliche. Anche nella seconda guerra mondiale, che in Italia è diventata guerra civile, la chiesa cattolica è apparsa incerta e divisa sulle posizioni da prendere. Poi alla storia si è intrecciata la memoria che di quei fatti, specialmente dei più tragici, è stata conservata o è stata costruita. Ne sono sorti dei miti fondativi che, tuttavia, non ne hanno risolto l'originaria forza divisiva. Nelle nuove tensioni ideologiche quella memoria, pur rivestita di valore sacrale, è rimasta a lungo una memoria non riconciliata.

ALESSANDRA DEORITI è stata responsabile della sezione didattica dell'Istituto storico provinciale della Resistenza di Bologna e si è occupata di formazione e aggiornamento degli insegnanti e di didattica in archivio. Ha insegnato "Storia della Chiesa" presso l' Istituto di Scienze religiose della diocesi di Bologna e negli ultimi anni ha coordinato corsi di "Storia della Chiesa contemporanea" presso la Scuola di Formazione Teologica della FTER. È membro della redazione della rivista «Il Regno»

GIOVANNI TURBANTI è dottore di ricerca in "Storia religiosa" e in "Storia del cristianesimo". Ha studiato a Firenze, Urbino e Bologna. Ha collaborato al progetto di ricerca sulla Storia del concilio Vaticano II, diretta da Giuseppe Alberigo. Si è occupato inoltre della storia della chiesa bolognese in età contemporanea e di figure rappresentative della cultura cattolica del novecento in Italia. Collabora con la "Fondazione per le Scienze Religiose Giovanni XXIII" di Bologna.

1 comment:

Mia Gomez said...

Nuovo anno sera è l'unico più bella serata in tutto l'universo e pubblico vuole godersi il nuovo anno sera. abbiamo arainge il nuovo eveing anno a capodanno bologna 2016. Nella straordinaria cornice di Corte Isolani, A Due Passi Dalle Due Torri, proprio al centro di Bologna, trascorri il capodanno Più straordinario del 2016.